Recensione 100 – Donne eccellenti

luglio 26, 2011 § Lascia un commento

Autore: Barbara Pym
Titolo: Donne eccellenti
(Titolo originale: Excellent Women)
Traduzione: Daniela Bonelli
Edizione: La Tartaruga, 1985 (prima edizione 1952)
Pag.: 198
ISBN: 9788885678071

 

I numeri tondi hanno sempre un certo fascino, e quando sono arrivata alla recensione numero 100 e mi sono accorta che toccava a Donne eccellenti di Barbara Pym sono rimasta molto soddisfatta. Non è certo il capolavoro del secolo ma è un ottimo libro e poi poteva capitarmi di dover recensire come centesimo l’orribile Solo con gli occhi (non me ne vogliano gli estimatori).

Barbara Pym è una scrittrice che spesso ho messo in wishlist per motivi che non ricordo. Poi ho trovato su bookmooch questo volumetto. Infine la lettura del blog di Cristina, En Barcelona, grande estimatrice di questa autrice, mi ha ispirato a inserirla nelle mie letture di luglio. Ambientato nella Londra degli anni Cinquanta, Donne eccellenti racconta la storia di Mildred Lathbury, una zitella dichiarata di trenta e rotti anni, senza famiglia in vita, che vive una vita felice e spensierata nel suo appartamento, frequentando assiduamente la chiesa e lavorando part time come volontaria per un’associazione. Le sue frequentazioni abituali sono i Malory, ovvero il pastore Julian e la di lui sorella Winifred.

La vita di Mildred viene sconvolta dall’arrivo dei coniugi Napier, Helena e Rockingham, che prendono in affitto l’appartamento sotto al suo, e dalla conseguente conoscenza dell’antropologo Everard Bone, loro amico. Inoltre anche Julian e Winifred decidono di affittare una parte della loro casa a una giovane vedova di nome Allegra Gray, che sconvolgerà il loro equilibrio. La storia si dipana come una commedia romantica raccontata da una narratrice ‘single’ che sembra essere, con la sua intelligenza e indipendenza, la più soddisfatta di tutti.

Questo libro è soddisfacente sotto più punti di vista: l’ambientazione domestica del romanzo appaga la mia passione per le narrazioni intime e familiari o quasi, mentre il personaggio di Mildred, con la sua sagacia ed il suo apparentemente ingenuo – ma in realtà precisissimo – spirito di osservazione, ribalta lo stereotipo della zitella (o donna eccellente, da cui il titolo) noiosa e poco intelligente seppur utile alla società.

Giudizio: 4/5
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Che cos'è?

Stai leggendo Recensione 100 – Donne eccellenti su a bright shining lie.

Meta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: