Nella mia wishlist [ week 33 ]

agosto 22, 2011 § Lascia un commento

Dorothy E. Stevenson – Il libro di Miss Buncle

Villaggio di Rivargenton. Miss Barbara Buncle, che sembra di mezza età anche se ha trent’anni, che veste in modo orribile e sembra condurre un’esistenza di sconfinata virtù e noia, vive grazie alla rendita dei suoi dividendi insieme alla governante Dorcas. Siamo nei primi anni trenta del Novecento e la crisi economica non tarda a farsi sentire, così un giorno Miss Buncle si accorge che la rendita si fa scarsa e che per andare avanti deve inventarsi qualcosa. Accantonata l’idea di allevare galline (troppo svolazzanti), decide di intraprendere la via più semplice: scrivere un libro. Miss Buncle non è dotata di grande immaginazione e le uniche cose di cui è in grado di scrivere sono quelle che conosce: i suoi concittadini. Ignorata da tutti ma osservatrice attenta, percepisce vizi e virtù di chi la circonda. La sua sincerità e la capacità di entrare nell’animo altrui la rendono pericolosa come scrittrice mentre guarda e annota. Il libro viene così pubblicato, sotto lo pseudonimo di John Smith, e diventa un bestseller. Ben presto gli abitanti di Rivargenton si accorgono di essere dentro un romanzo che porta allo scoperto la loro vera natura. Scatta allora la caccia al misterioso John Smith e per Miss Buncle inizia una vita veramente difficile.

Michelle Magorian – Goodnight, Mr. Tom

Londra è sospesa sul bordo della Seconda Guerra Mondiale. Il timido, macilento Willie Beech – il figlio maltrattato di una madre sola – viene evacuato nella campagna inglese. Inizialmente è terrorizzato da tutto, dei suoni e delle viste della campagna, anche del signor Tom, il burbero e gentile anziano che lo ha preso con sè. Ma gradualmente Willie dimentica l’odio e la disperazione del suo passato. Impara ad amare un mondo che non sapeva nemmeno esistesse, un mondo di amicizia e affetto in cui le parole aspre e i maltrattamenti quotidiani non hanno alcun posto. Poi arriva un telegramma. Willie deve tornare dalla madre a Londra. Quando passano delle settimane senza nessuna parola da parte di Willie, il signor Tom si reca a Londra per cercare il ragazzino che ha imparato ad amare come un figlio.

Rachel Ferguson – The Brontës Went to Woolworths

Le sorelle Carne (Deirdre, Katrine e la giovane Sheil) condividono un appetito insaziabile per il fantastico. La sorella più vecchia Deirdre è una giornalista, Katrine è un’attrice alle prime armi e la giovane Sheil ha ancora un’istitutrice; insieme vivono una vita non controllata dalla madre nella loro casa di città. Le sorelle non possono evitare di inventare storie così come hanno fatto fin dall’infanzia: dai loro giocattoli parlanti alla loro amicizia immaginaria con il vero giudice Toddington chiamato affettuosamente Toddy.
Ma quando Deirdre incontra la vera moglie di Toddy a una vendita di beneficenza, le sorelle sono obbligate a confrontarsi con il soggetto delle loro fantasie. Si libereranno delle loro fantasie infantili per sempre? Toddy e la moglie, Lady Mildred, riusciranno ad accettare queste ragazze fascinosamente eccentriche? E quando la fantasia e la realtà si scontrano, chi può dire cosa può succedere?

Maggie O’Farrell – After You’d Gone (Dopo di te)

Una giovane donna sale su un treno. Si sta recando in Scozia per far visitaalla sua famiglia. Appena arrivata alla stazione di Edimburgo il suo sguardoviene attratto da qualcosa che la sconvolge al punto di farla ripartireimmediatamente, prendendo il primo treno per tornare a casa. Ore più tardigiace su un letto d’ospedale a Londra in coma profondo, dopo essere statatravolta da un’auto: un fatale incidente o un gesto dettato dalladisperazione, da tempo meditato? Mentre Alice è sospesa tra la vita e lamorte, attorno al suo capezzale si radunano tutte le persone che le voglionobene, fra le quali esplodono inaspettate tensioni a lungo represse, in ungroviglio di sentimenti e rancori, di segreti e bugie.

Joshua Ferris – Then We Came to the End (E poi siamo arrivati alla fine)

Una grande agenzia di pubblicità sulle rive dell’immenso lago di fronte a Chicago, nel cuore dei grattacieli più antichi d’America. Qui, tra open space e cubicoli, tra computer e stampanti, si svolge la commedia umana di un gruppo di giovani spregiudicati e sognatori, cinici e brillanti, che ogni mattina, fatalmente, si incontra nello stesso luogo: in ufficio. Carl, Karen, Benny, Amber, Jim sanno tutto di tutti. Sanno che Tom è pazzo, e che Lynn, il boss, ha un tumore al seno. Sanno che il vecchio Brizz se la passa male ed è finito nella classifica di Quale vip muore prima, anche se non e una celebrità. Sanno chi ha nascosto il sushi dietro la libreria di Joe. Sanno con chi se la prende Marcia quando ha inviato una mail a Genevieve in cui c’è scritto: “È davvero irritante lavorare con persone irritanti”. Conoscono ogni pettegolezzo, ogni storia d’amore, ogni invidia e segreta generosità. Sanno chi è nelle grazie del capo e chi verrà fatto fuori. Sanno tutto di tutti perché quell’ufficio è ormai la loro vita. E in quelle stanze, tra corridoi e scrivanie, scopriamo un mondo, l’universo intero della nostra gioia e del nostro scontento, l’affetto e la competizione, lo struggimento e il disprezzo, il desiderio e la privazione, in fondo la vita stessa, perché nessuno ci conosce davvero quanto le donne e gli uomini che ogni giorno ci siedono accanto.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Che cos'è?

Stai leggendo Nella mia wishlist [ week 33 ] su a bright shining lie.

Meta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: