Recensione 122 – Vicino, sempre più vicino

agosto 31, 2011 § Lascia un commento

Autore: Jennifer Weiner
Titolo: Vicino, sempre più vicino
(Titolo originale: Fly Away Home)
Traduzione: Irene Annoni
Edizione: Piemme, 2011
Pag.: 461
ISBN:

Un’utente di aNobii, stella marina, ha definito questo romanzo una tazza di brodo caldo offerta durante un attacco di influenza invernale, ovvero direi io una lettura confortevole che va bene quando abbiamo bisogno di essere rassicurate.

Sono perfettamente d’accordo con lei: la protagonista di questo romanzo è Sylvie, una donna di mezza età (non mi sembra che venga nominata esattamente l’età, diciamo sulla cinquantina) che è sposata con un politico, Richard, che all’inizio del libro è senatore ma punta prima o poi alla Presidenza. Nella sua vita matrimoniale Sylvie ha sempre sostenuto il marito nella sua carriera, anzi in pratica ne è diventata l’assistente, assumendosi compiti (come quello di attendere le uova del marito al buffet dell’albergo) che fanno infuriare la di lei madre Selma, giudice ormai in pensione ma non per questo meno battagliera. La stessa Sylvie ogni tanto ha dei dubbi sulla sua vita incasellatissima, ma li ricaccia indietro. Fino a quando non scoppia uno scandalo intorno alla relazione del marito con una giovane avvocatessa. A quel punto Sylvie decide di tornare nella casa al mare dove ha passato tutte le sue estati, cercando di capire che cosa fare del suo matrimonio, e della sua vita. Nel frattempo anche le figlie di Sylvie stanno attraversando dei brutti periodi: la maggiore, Diana, medico del pronto soccorso, sposata con un figlio, ha una storia con un collega più giovane, una storia che sta mettendo in crisi il suo matrimonio “di convenienza”; la figlia più giovane, Lizzie, ha superato i suoi problemi di droga ma una relazione d’amore rischia di mettere in crisi il suo fragile equilibrio. Così tutte e tre queste donne si riuniscono alla casa al mare per tirare le somme e riprendersi un po’.

Davvero un libro confortevole, che tiene fede a quella che secondo me è la sua linea programmatica, una frase pronunciata da nonna Selma: In cinese il termine per “crisi” è lo stesso che indica “opportunità”. Infatti ovviamente per tutte e tre le donne il momento di sbando rappresenta un’occasione per rivedere le loro priorità e riorganizzarsi la vita. Piacevolissima lettura, anche se rispetto ad altri della Weiner secondo me ha un po’ meno smalto.

_Edit 31.08.2011_ Nei ringraziamenti alla fine del libro la Weiner rivela che questo romanzo è stato scritto dieci anni fa, il che potrebbe spiegarmi la mancanza della verve che caratterizza gli altri suoi libri.

Giudizio: 3/5

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Che cos'è?

Stai leggendo Recensione 122 – Vicino, sempre più vicino su a bright shining lie.

Meta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: