Recensione 191 – Alla ricerca del piacere

gennaio 22, 2012 § Lascia un commento

Autore: Richard Mason
Titolo: La ricerca del piacere
(Titolo originale: History of a Pleasure Seeker)
Traduzione: Giovanna Scocchera
Edizione: Einaudi, 2011
Pag.: 299
ISBN: 978-88-06-20692-5

Alla ricerca del piacere

Piet Barol è solo il figlio di un impiegatuccio universitario, ma la madre, un’insegnante di canto morta prematuramente, gli ha insegnato ad apprezzare i piaceri più esclusivi della vita. All’età di ventiquattro anni Piet abbandona la casa paterna e il lavoro a fianco del padre per diventare il tutore del piccolo Egbert. I Vermeulen-Sickerts sono una famiglia molto ricca e molto in vista nel bel mondo della Amsterdam di inizio Novecento, e Piet spera che siano anche il suo trampolino di lancio verso una vita migliore.

Sullo sfondo di una bellissima ricostruzione storica (ho trovato particolarmente affascinante l’attenzione nei confronti della vita dei servitori, e la storia della costruzione del Plaza di New York), il nostro antieroe Piet (per cui è difficile provare dell’empatia, vista la mancanza di moralità ma anche di emotività che lo contraddistingue) cerca di guadagnarsi la fiducia dell’intera famiglia, mentre si gode tutta una serie di nuovi lussi che gli sono riservati nel suo ruolo a mezza strada tra servitù e ospite. I personaggi che lo circondano sono tutti molto vividi, voraci, a tratti disperati, spesso più umani dello stesso Piet. In particolare penso al piccolo Egbert, succube dei suoi incubi che gli impediscono di condurre una vita normale e di uscire di casa. Piet lo aiuta, ma anche questo suo gesto è motivato più dalla sua sconfinata ambizione che dall’affetto.

Come tutti gli antieroi Piet è un personaggio interessante, che attira le attenzioni di uomini e donne ma guarda dritto avanti a sé, verso la gloria. Peccato solo (e per questo il romanzo si gioca la quarta stellina che sarebbe stata meritata) che l’autore ci lasci a bocca asciutta: non c’è un vero e proprio finale, ma solo il sogno di nuove avventure, con la chiusura CONTINUA che sembra promettere un seguito. Ritengo un vero inganno che in copertina non fosse specificata questa cosa (in nessun luogo è specificata, in realtà, e nessuno sa niente di preciso su un eventuale seguito).

Giudizio: 3/5

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Che cos'è?

Stai leggendo Recensione 191 – Alla ricerca del piacere su a bright shining lie.

Meta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: