Recensione 195 – La coscienza di Zeno

febbraio 5, 2012 § 4 commenti

Autore: Italo Svevo
Titolo: La coscienza di Zeno
Edizione: versione gratuita per Kindle
Pag: –
ISBN: –

La coscienza di Zeno è considerato uno dei capolavori della letteratura italiana del Novecento. Personalmente, non so cosa dire al riguardo, a parte che leggere questo romanzo è come trovarsi a cena con la regina Elisabetta e scoprire che anche lei mastica. Mi spiego meglio: lo sappiamo tutti che anche i reali masticano, perché sono persone come tutti gli altri, così come sappiamo bene che anche i grandi capolavori della letteratura possono essere leggibili e rilassanti. Solo che per me trovarmene uno tra le mani è sempre un grande shock. Positivo, chiaro.
La coscienza di Zeno è un libro amichevole. Zeno Cosini, il protagonista, è un uomo fortunato perché è di buona famiglia e il padre gli ha lasciato un’impresa che, fortuna delle fortune, viene gestita dal mitico Olivi. Zeno si trova perciò nella condizione di poter studiare ciò che vuole, e condurre la sua vita nel modo che più gli confà. Ma tanto ozio e tanto buon tempo non sono necessariamente una cosa positiva, infatti Zeno oscilla tra le più feroci assuefazioni (il fumo, l’amante) e la convinzione di essere malato, oltre che la sensazione di essere sempre inferiore alle persone che incontra e con cui si accompagna.
Nella maggior parte degli episodi che Zeno racconta, egli fa la figura del nullafacente inetto e, soprattutto, del fanfarone. A me pare una specie di Homer Simpson più conformato ma altrettanto incline ai comportamenti assurdi. E c’è chi dice che Zeno è il naturale risultato di una società malata, e questo può anche essere, ma mi pare un commento riduttivo. De La coscienza di Zeno a me piace soprattutto l’involontaria comicità del protagonista, un protagonista che secondo me non è preso sul serio dal suo autore. E che, nonostante i suoi periodici attacchi di melodramma, conduce una vita ben invidiabile, sicura e piena di soddisfazioni, come lui stesso spesso ammette. E il personaggio migliore è la spensierata Augusta, la moglie di Zeno, che nonostante una richiesta di matrimonio davvero spregevole, accetta di prendersi in carico questo buffone e affronta ogni sua fisima con una bella, spensierata e liberatoria risata (non proprio ognuna, si vedrà, la maggior parte).
Non ricordo assolutamente la prima lettura di questo romanzo, che probabilmente ho fatta quando ero alle superiori. Allora sicuramente rimasi colpitissima dall’accessibilità di questa narrazione, ma ora alla rilettura non mi sento di dare più di quattro stelle. A me questo romanzo non è parso noioso, anche se è vero che gli ultimi capitoli sono un po’ più lenti. Mi è piaciuto parecchio e l’ho trovato una lettura rilassante, ma al tempo stesso forse andrebbe letto un po’ più nel suo contesto per essere interpretato al suo meglio, soprattutto nella parte finale, che forse rappresenta proprio la filosofia ultima del romanzo.
Giudizio: 4/5
Annunci

§ 4 risposte a Recensione 195 – La coscienza di Zeno

  • Phoebes ha detto:

    Mhm… io l'ho iniziato tanto tempo fa e non sono riuscita ad andare molto avanti. Vero è che non ho mai osato ritentare…

  • Roberta ha detto:

    Immagino che, come spesso accade, forse bisogna avere la fortuna di leggere un libro nel momento giusto. C'è anche da dire che un capolavoro della letteratura può anche non piacere per nulla eh! Per fortuna siamo lettori, con i nostri gusti, e non più studenti costretti a sorbirsi i grandi autori per forza.

  • Phoebes ha detto:

    Comunque lo tengo sempre in libreria tra quelli da leggere, e dopo la tua recensone forse avrò un po' meno "paura" di cogliere l'occasione di riprovarci!Scusa l'OT ma volevo segnalarti un'iniziativa dedicata ai blogger: http://www.doveconviene.it/co2neutral/Facendo un post sull'argomento e mettendo il bannerino e l'associazione che promuove l'iniziativa si impegna a piantare un albero per ogni blog che aderisce.al momento hanno appena superato gli 800 e sperano di arrivare a mille, così hanno chiesto a chi aderisce di sprgere un po' la voce, e io ci sto provando!Scusami se per caso conoscevi già il progetto! :)CIAO!

  • Roberta ha detto:

    Non lo conoscevo, grazie mille per averlo portato alla mia attenzione, come puoi vedere mi sono fatta coinvolgere subito!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Che cos'è?

Stai leggendo Recensione 195 – La coscienza di Zeno su a bright shining lie.

Meta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: