248 – Rosemary’s Baby

agosto 7, 2012 § 4 commenti

Autore: Ira Levin
Titolo: Rosemary’s Baby
(Titolo italiano: Rosemary’s Baby)
Edizione: Corsair (Kindle), 2011 (1967)
Pag.: 256
ASIN: B000VZ1HI8

Rosemary's Baby

Premetto che sono una grande fan dell’omonimo film di Polanski tratto da questo libro. Normalmente l’horror non mi dice molto, ma ci sono dei grandi classici, come questo, che sono assolutamente imperdibili. Tralasciando poi la parte horror, il film mi ricorda molto, nella parte iniziale, quando i due sposini fanno carte false per ottenere l’ambito appartamento e poi lo ristrutturano e arredano, il (per il resto lontanissimo) A piedi nudi nel parco. In entrambi i film vediamo la genesi di un matrimonio (e in entrambi anche la nascita di problemi, anche se molto diversi) e mi ha sempre colpito il modo disinvolto di sposarsi e mettere su casa di queste coppie. Uno stile davvero invidiabile, forse tipico di un’era o forse una semplice coincidenza, chi lo sa?

La trama è ben nota (e il film è molto fedele al libro): Rosemary e Guy (attore ancora ai primi passi della sua carriera) trovano un appartamento nel molto ambito palazzo Bramford, a New York. Qui fanno la conoscenza degli anziani signori Castevet, che li prendono in simpatia e li introducono nella loro cerchia di amici. Dopo qualche tempo la carriera di Guy decolla e lui e Rosemary decidono che è il momento di avere un bambino. Rosemary rimane subito incinta ma fin dall’inizio ha dei problemi di salute. La gravidanza difficile di Rosemary e la presenza dei Castevet, la cui sollecitudine e gentilezza è sempre al limite dell’oppressione dell’invadenza (ma ovviamente senza mai superarlo, il che impedisce qualsiasi rimostranza) creano pian piano un’atmosfera estremamente claustrofobica.

Ira Levin non è uno scrittore letterario: la sua è una narrazione semplice, estremamente scorrevole, questo sì, ma niente dell’altro mondo. In compenso è bravissimo a rimanere in bilico in una situazione che in teoria può sembrare anche noiosa, ma in pratica è estremamente avvincente: fino quasi alla fine è impossibile stabilire se i sospetti che Rosemary comincia ad avere sono fondati o se invece è lei che sta impazzendo. I personaggi non sono particolarmente approfonditi psicologicamente, però risultano estremamente autentici grazie al mondo in cui Levin presenta il loro comportamento: la breve descrizione della settimana che Rosemary passa nel capanno di Hutch, ad esempio, è magistrale. Onestamente non so cosa pensare del finale, ma credo che in ogni caso sarebbe risultato o banale o insoddisfacente.

Giudizio: 4/5

Annunci

§ 4 risposte a 248 – Rosemary’s Baby

  • Camilla P. ha detto:

    Bella recensione! E' da molto tempo che vorrei leggere questo libro – anche se non ho mai visto il film, perché so per certo che mi farebbe troppa paura.

  • Roberta ha detto:

    Io te lo consiglio, perché è davvero avvincente (pensa che lo è stato per me che sapevo la trama a memoria!). Per il film ti dico che non ci sono scene truculente, è proprio una questione di tensione che pian piano sale… Quando voglio guardare un film ma temo che mi impressioni troppo, lo guardo con qualcuno in pieno giorno, e poi organizzo sempre qualche attività che mi distolga un po' la mente dal film, e ovviamente non deve essere una sera in cui esco da sola o il mio compagno dorme fuori! ^_^ Finora ha funzionato…

  • Girasonia76 ha detto:

    Il film non l'ho mai visto (mea culpa) ma il libro lo leggerei volentieri…Anche perché da poco ho letto La donna perfetta di Ira Levin e mi ha totalmente convinta. Ma chissà se lo ripubblicheranno questo, visto che ormai è fuori catalogo.

  • Roberta ha detto:

    A meno che tu non abbia la possibilità di cercarlo in biblioteca oppure di leggerlo in inglese (su Amazon costa poco più di un euro – ebook chiaro) ti consiglio bookmooch…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Che cos'è?

Stai leggendo 248 – Rosemary’s Baby su a bright shining lie.

Meta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: