286 – The Diviners

ottobre 24, 2012 § Lascia un commento

Autore: Libba Bray
Titolo: The Diviners
(Titolo italiano: La stella nera di New York)
Serie: The Diviners, #1
Edizione: Little, Brown Books, 2012
Pag.: 592
ISBN: 9780316126113

The Diviners (The Diviners, #1)

Conoscevo già Libba Bray per la trilogia dedicata a Gemma Doyle, che ho apprezzato molto, anche se devo ammettere che in questo periodo non leggo molto fantasy, di nessun genere. Il motivo principale che mi ha convinto a leggere questo libro è l’ambientazione storica: New York negli anni Venti! Evie O’Neill è stata spedita a New York dallo zio Will come punizione per uno dei suoi ennesimi passi falsi, ma è ovviamente esilarata all’idea di ritrovarsi nel bel mezzo della bella vita newyorchese. In realtà una volta installata presso l’appartamento dello zio, Evie viene coinvolta nella caccia a un serial killer, che si rivela essere soprannaturale.

L’ambientazione di The Diviners è davvero affascinante, con le feste (i famosi ‘rent parties‘), il proibizionismo, le ballerine di fila, le agitazioni sindacali e anche un lato più gotico, con il Museo Americano del Floklore, delle Superstizioni e dell’Occulto (che lo zio Will dirige), cimiteri misteriosi e case infestate. Evie è una protagonista frivola ed egoista, dedita all’alcool e alle feste, anche se dotata, in fin dei conti, di una profonda umanità, e di un grande spirito di iniziativa, che è il motivo principale per cui si ritrova ad aiutare la polizia insieme allo zio, consulente da tempo. Il leit motiv del romanzo è però la presenza di numerosi adolescenti dotati di strani poteri: Evie è una di loro, capace di estrapolare informazioni sulle persone toccando i loro oggetti. Numerosi altri gravitano intorno alla nostra protagonista, a volte entrano in contatto direttamente con lei (come Sam Lloyd, capace di rendersi ‘invisibile’, o Theta, che emana enorme calore dalle mani) o indirettamente attraverso la sua cerchia di amici (come Memphis, guaritore, e il fratellino Isaiah, che prevede il futuro) oppure rimangono direttamente sullo sfondo, come la cameriera di un ristorante cinese che è protagonista di un paio di enigmatiche scene. Nonostante tutti questi poteri sovrannaturali i nostri personaggi rimangono con i piedi per terra, dovendo preoccuparsi di situazioni molto tangibili, come l’affitto, le tasse, i genitori assenti o il lavoro, e questo pragmatismo mi piace molto.

Il romanzo ha anche i suoi difetti: nonostante il forte impegno profuso nella caratterizzazione dei personaggi, che per la maggior parte vengono forniti di un passato impegnativo, gli stessi risultano abbastanza tagliati con l’accetta: Evie è la frivola con il cuore, Mabel la ragazza per bene che arde dal desiderio di essere notata, eccetera eccetera. La narrazione non è lenta, ma la sequenza di eventi si dipana al rallentatore a causa delle mille trame secondarie che si mettono sempre in mezzo: i personaggi infatti sono molti, e ognuno ha la sua storia, a volte già sviluppata, a volte solo abbozzata ma sicuramente suscettibile di evoluzioni. Verrebbe da dire che i personaggi sono davvero troppi, i suggerimenti e le strizzate d’occhio tantissime, tant’è che alla fine del libro scopriamo che la trama principale non è nemmeno quella che pensavamo! Difetti che si fanno perdonare, anche se devo ammettere che inizialmente la lunghezza del romanzo mi ha indisposto e mi ci sono volute più di cento pagine per entrare nella storia.

Giudizio: 3/5

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Che cos'è?

Stai leggendo 286 – The Diviners su a bright shining lie.

Meta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: