289 W.

novembre 6, 2012 § Lascia un commento

Autore: Jennifer Lee Carrell
Titolo: W.
(Titolo originale: Interred With Their Bones/The Shakespeare Secret)
Traduzione: G. Garbellini
Serie: Kate Stanley #1
Edizione: Rizzoli, 2007
Pag.: 517
ISBN: 9788817017497

Le mie letture seguono un percorso – piuttosto tortuoso, devo ammettere – che non ha spesso un senso logico e quando lo ha, non segue sicuramente il calendario. Per questo quasi sempre mi ritrovo a leggere libri con tematiche e/o ambientazioni molto distanti da quelle che vivo ogni giorno, e la cosa non mi infastidisce, anzi in linea di massima è una differenza rinfrescante. Ci sono, però, delle occasioni che mi riprometto sempre di celebrare anche dal punto di vista letterario. Finora non ci sono mai riuscita: questo 31 ottobre ho terminato W. di Jennifer Lee Carrell, un giallo letterario con ben poco in comune con la festività di Halloween (lo so che molti disprezzano questa americanata, ma a me non dispiace affatto).

Kate Stanley è un’esperta americana di Shakespeare che ha abbandonato il mondo accademico in favore di quello teatrale, e ora si trova a Londra, nel teatro Globe, intenta a preparare la messa in scena dell’Amleto. A qualche settimana dalla prima la sua mentore accademica, Roz Howard, la raggiunge a Londra e le comunica di avere fatto una scoperta importante e di aver bisogno del suo aiuto. Prima di poter chiarire, muore assassinata durante l’incendio (doloso) del Globe, dopo aver lasciato a Kate un pacchettino, che rivela una spilla antica e un biglietto, un indizio a tutti gli effetti, sulla base del quale la protagonista si imbarca in una caccia al tesoro. Il tesoro in questione è il Cardenio, un manoscritto non pervenuto ai giorni nostri, ma di cui si ha qualche notizia: attribuito a Shakespeare e probabilmente ispirato alle avventure dell’omonimo personaggio del Don Chisciotte. In W., il manoscritto esiste ed è estremamente ambito non solo in sé e per sé, ma anche perché la sua esistenza è legata al mistero che circonda l’identità di William Shakespeare.

Non ricordo bene come mai ho chiesto questo libro su Bookmooch, ma sicuramente mi ha attirato la connessione con il Bardo. Purtroppo le parti dedicate al drammaturgo e alle sue opere sono poco incisive e soprattutto è difficile capire cosa è reale e cosa è finzione. A grandi linee, è vero che ci sono tracce di un’opera chiamata Cardenio, che viene attribuita a Shakespeare anche se la paternità non è certa. Non si sa nulla del suo contenuto, però, che si suppone possa essere legato alle avventure dell’omonimo personaggio del Don Chisciotte. Non saprei esprimermi relativamente agli intrighi familiari che l’autrice vuole legati alle vicissitudini del Cardenio, mentre sull’identità di Shakespeare effettivamente ci sono state molte teorie, ma attualmente sembra assodato che il personaggio storico di William Shakespeare coincida con l’autore teatrale. Devo ammettere che tutte queste teorie su identità alternative mi ha fatto pensare ai costanti avvistamenti di Elvis e Marilyn Monroe!

Non posso dire che W. sia un pessimo romanzo, ma sicuramente è una lettura che può essere tranquillamente evitata, anche perché il giallo non è particolarmente avvincente e il finale è addirittura aperto dato che (ebbene sì!) W. è il primo di una serie, che in originale è chiamata ‘Kate Stanley’ e che ad oggi sembra includa due volumi.

Giudizio: 2/5

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Che cos'è?

Stai leggendo 289 W. su a bright shining lie.

Meta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: