295 – Il nostro tragico universo

novembre 16, 2012 § Lascia un commento

Autore: Scarlett Thomas
Titolo: Il nostro tragico universo
(Titolo originale: Our tragic universe)
Traduzione: Carla De Caro
Edizione: Newton Compton (Kindle), 2010
Pag.: 381
ASIN: B0062ZKNGS

Il nostro tragico universo

Il nostro tragico universo è l’ultimo libro scritto da Scarlett Thomas (nel 2010 – per favore Scarlett, dicci che pubblicherai presto un altro romanzo) e il quarto che leggo (mi manca solo Going Out Il giro più pazzo del mondo). Personalmente trovo che PopCo sia il suo migliore, anche se mi riservo di rileggere Che fine ha fatto Mr Y, mentre il suo ‘peggiore’ è stato L’isola dei segreti. Questo non mi è piaciuto quanto PopCo, ma quasi, e me lo ha ricordato molto.

Meg Carpenter vive nel Devonshire con il compagno Christopher in un villaggio sul mare. Il compagno non lavora e Meg mantiene la baracca scrivendo recensioni e libri di genere (alcuni come ghost writer) mentre cerca di lavorare al suo romanzo ‘serio’ per cui una casa editrice le ha versato un anticipo, senza però buoni risultati. Poiché la casa diroccata in cui vivono lei e Christopher è molto umida (uno dei suoi tanti difetti) Meg va sempre a lavorare in biblioteca, dove conosce il curatore del locale museo marittimo, un uomo di sessantacinque anni per cui si prende una sbandata. Consapevole che la storia con il suo compagno non ha futuro, Meg fatica però a concepire di poterlo lasciare. Ugualmente in panne la sua amica Libby, sposata con un uomo meraviglioso a cui vuole molto bene ma che non ama più, ed innamorata di un altro uomo con cui ha una relazione.

Il nostro tragico universo ha una trama molto debole, che prende lo spunto dall’improvvisa apparizione di un trattato scientifico che Meg pensa le abbia spedito il suo editore per una recensione e che diventa il punto di partenza per la protagonista per una riflessione sulla sua vita, e su molte, molte altre cose in realtà. Nel romanzo non succede molto (e praticamente tutte le trame e sottotrame rimangono aperte alla fine) ma ci sono riflessioni e conversazioni interessanti in abbondanza, sugli argomenti più disparati che possono essere la fisica, i poltergeist, l’affondamento del Titanic, l’antropologia, i placebo, eccetera eccetera. La recensione del libro che Meg manda al suo editore, infatti, non viene pubblicata ma le guadagna la proposta di una rubrica sugli hobby, fra cui il lavoro a maglia (sembra incredibile, ma la Thomas mi ha fatto venire voglia di andare in merceria a comprare lana e ferri e poi affondare in poltrona cercando di creare dei calzini).

Il concetto più importante e ci allaccia alla natura estremamente metaletteraria di questo romanzo, è il desiderio di scrivere un romanzo privo di trama, ovvero un romanzo originale in un contesto in cui tutti i romanzi, i film e forse anche i comportamenti umani sono riconducibili a un numero esiguo di trame universali, o forse ad unica trama primigenia. L’unico modo di distinguersi è, quindi, uscire dal recinto, ma non è un’impresa semplice.

Scarlett Thomas inserisce sempre nei suoi romanzi delle teorie scientifiche o metafisiche piuttosto impegnative, e un buon numero di informazioni su vari argomenti, a volte particolarmente tecnici o specialistici. Lo fa sempre, però, con il tono e lo stile dell’amica che è venuta a trovarti per un te e ti sta raccontando le ultime novità. E’ un’autrice che non ha paura di inserire una trama romantica o d’avventura in un romanzo in cui ti sta contemporaneamente parlando, chessò, di Derrida. Atteggiamento che trovo particolarmente affascinante.

Giudizio: 4/5

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Che cos'è?

Stai leggendo 295 – Il nostro tragico universo su a bright shining lie.

Meta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: