313 – Boy

dicembre 29, 2012 § 2 commenti

Boy: Tales of Childhood

Roald Dahl è un autore per ragazzi che ha influenzato l’infanzia di tutti noi (chi non conosce Willy Wonka e la fabbrica di cioccolato o Matilda?) scrivendo moltissimi libri che sono entrati nella storia. Non parlo solo de La fabbrica di cioccolato ma anche de Il GGG, Le streghe e molti altri ancora. Quello che non sapevo è che Roald Dahl ha scritto anche qualche libro per adulti, inclusa una serie di romanzi autobiografici di cui Boy. Tales of Childhood è il primo.

In Boy Dahl racconta delle sue ascendenze norvegesi, e di come, morto il padre, la madre abbia deciso di rimanere comunque nel Galles perché questo le avrebbe permesso di iscrivere i figli alle scuole inglese, come il marito aveva sempre desiderato. Purtroppo, come il romanzo ci chiarisce molto bene, le esperienze di Dahl nella scuola pubblica inglese furono tutt’altro che rosee, anzi il biografo Donald Sturrock afferma che le prime bozze di Boy erano addirittura molto più amare rispetto alla versione che venne poi pubblicata.

Roald Dahl at school at ReptonOvviamente oltre alle pessime esperienze presso diverse scuole (esperienze che includevano un estremo nonnismo da parte degli studenti più anziani e feroci punizioni corporali) Dahl ci racconta del suo amore per i dolci, di come la Cadbury inviasse agli studenti della sua scuola delle enormi confezioni di cioccolato per valutazione, delle sue incredibili vacanze in Norvegia nonché di disavventure varie e assortite, inclusa un’uscita in macchina che quasi gli costò il naso. In vari punti del memoir ho sorriso e capito da che evento della sua vita personale Dahl avesse preso spunto per un suo romanzo.

Non solo i suoi romanzi sono affascinanti, lo è la sua stessa vita: dopo la scuola Dahl iniziò a lavorare per la Shell che, dopo un congruo periodo di addestramento, lo spedì in Africa. Le sue avventure africane e l’esperienza come pilota nella seconda guerra mondiale si possono leggere nel seguito della sua biografia, Going Solo (Volando solo).

Annunci

§ 2 risposte a 313 – Boy

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Che cos'è?

Stai leggendo 313 – Boy su a bright shining lie.

Meta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: