Behind the Scenes at the Museum di Kate Atkinson

aprile 7, 2013 § 4 commenti

In Behind the Scenes at the Museum, la protagonista, Ruby Lennox, ci racconta la storia della sua vita dal momento esatto del suo concepimento, aggiungendo alla fine di ogni capitolo della sua esistenza una nota a piè di pagina in cui parla dei suoi antenati (la madre, la nonna, addirittura la bisnonna e i loro fratelli e sorelle). Una saga familiare vera e propria, ma raccontata con uno stile che mi ha incantato: la voce di Ruby è quella di un narratore onnisciente con una particolarmente acuta capacità di osservazione ma anche afflitto da occasionali amnesie e occasionali incapacità di capire quello che vede e che sa, a causa della sua giovane età. E’ una voce diretta, bizzarra, appassionata, stranamente ottimista nonostante la vita della madre e in generale di tutte le donne della famiglia Lennox non si può dire certo fortunata o felice.

Ho adorato il modo che ha l’autrice di dilatare alcuni punti della narrazione, soffermandosi su particolari periferici ed espandendoli, anticipando avvenimenti che nessuno dei personaggi presenti nella scena in questione può sapere, utilizzando un piccolo oggetto per aprire una grande parentesi nella nota a piè di pagina e introdurre un nuovo personaggio, un nuovo episodio, una nuova vita. Il tutto partendo dall’osservazione di due giardinieri al parco, della sorella che fa le bizze, di un bottone rosa.

Ho adorato anche i continui riferimenti, più o meno diretti, a libri (soprattutto per l’infanzia, ma non solo) a film, ma anche agli eventi storici in cui sono ambientate alcune parti del passato (si parla dell’incoronazione della regina Elisabetta, dell’oscuramente e dei cartelloni governativi della seconda guerra mondiale).

Gli unici piccoli difetti del romanzo possono essere una certa difficoltà a destreggiarsi tra tutti i componenti della famiglia Lennox (presente e passato) per cui sarebbe necessario un albero genealogico, e una certa piattezza nel finale, anche se non posso dire altro per non rovinarvi il romanzo. Nel complesso però i difetti sono davvero marginali e il romanzo stupendo.

Annunci

§ 4 risposte a Behind the Scenes at the Museum di Kate Atkinson

  • Phoebes ha detto:

    Che bello!Toglimi una curiosità, però: il titolo a cosa si riferisce? Di che museo parla?

  • Roberta ha detto:

    Ho dovuto fare una ricerca anch'io per capirlo, a fine lettura!E' questo:http://en.wikipedia.org/wiki/York_Castle_MuseumFra i suoi reperti anche delle facciate di vecchie case della città, come quella in cui vive Ruby con la sua famiglia…

  • Phoebes ha detto:

    Oh, ma allora non ha molto a che fare con la storia, questo museo! Un po' mi spiace, il titolo è veramente accattivante! :)Grazie del link.

  • Roberta ha detto:

    Beh io l'ho interpretato come un modo di simboleggiare la scoperta di quello che c'è dietro la facciata delle cose… C'è un capitolo in cui la protagonista lo visita (penso sia lo stesso, al momento della lettura devo dire che non ho fatto il collegamento) ma non ha un ruolo importante nella storia in effetti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Che cos'è?

Stai leggendo Behind the Scenes at the Museum di Kate Atkinson su a bright shining lie.

Meta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: