The Shooting Party di Isabel Colegate

maggio 30, 2013 § 4 commenti

The Shooting Party è un romanzo che sicuramente piacerà a tutti coloro che apprezzano Downton Abbey. E’ ambientato nell’Inghilterra edoardiana dell’anteguerra, ben prima degli sconvolgimenti sociali economici e politici che portarono ad un ripudio di una società e di un modo di vita basato sul governo di una ristretta élite di famiglie nobili attorno a cui ruotava un sistema di servitù con cui ogni persona era a contatto, fosse dalla parte del servito o dalla parte del servitore. Fu solo negli anni Settanta che l’Inghilterra dimenticò il rancore verso quel periodo e lo riscoprì, lasciandosi affascinare dalla sua aura romantica (e guardando Downton Abbey è chiaro il fascino del periodo e della vita nelle grandi tenute).

The Shooting PartyThe Shooting Party ricrea questo mondo riuscendo ad evitare sia la fascinazione nei confronti dell’esteriorità di uno stile di vita, sia la condanna a priori dei personaggi privilegiati e la lode di tutti i personaggi a loro soggetti. Lasciando da parte i giudizi moderni, Isabel Colegate ricrea un evento nell’Inghilterra dell’anteguerra non solo rivisitando i rituali e i doveri di quello stile di vita, ma esaminando anche le motivazioni, i sogni, le frustrazioni degli individui, sia i privilegiati che i servitori. L’ambientazione non è quella dell’alta aristocrazia, ma della ben più diffusa aristocrazia terriera, quella gentry class composta da gentiluomini di campagna che già nel 1913 faticavano parecchio a mantenere uno stile di vita ormai divenuto economicamente anacronistico, e sul punto di diventarlo anche socialmente e storicamente, anche se non ne erano consapevoli, o solo vagamente:

He did feel, if not yet a dodo, at least at the end of something; he did feel, looking round the room in which the watery light filtering through the beech leaves and reflecting the river gave everything a soft luminosity becoming to the unpainted faces of the women and the muted colour of their clothes and the blue and white of the china on the dark shelves behind them, that beyond the river and the trees, beyond the boundaries of his own estate, there was a whole clamorous violent disorderly process going on which was to bring about the end of an idea, an idea started by people whose combination of poetry and political acumen, curiosity and love of pastoral life, made them seem, he’d always thought, though Florentine, rather English.

Il protagonista della citazione sopra riportata è Lord Randolph Nettleby, che nell’ottobre del 1913 ospita diversi amici presso la tua tenuta, Nettleby Park, in occasione della battuta di caccia più importante dell’anno. L’intera servitù (anzi, l’intero villaggio) è in fermento a causa delle preparazione, e lo stesso Lord Randolph si preoccupa di organizzare la battuta insieme al suo guardiacaccia, Glass, di modo che tutto risulti niente meno che perfetto. Su questo sfondo, e nell’arco di ventiquattro ore, Isabel Colegate ricrea un mondo davanti ai nostri occhi.

La narrazione è carica di presagi che creano un senso costante di minaccia, anche se la cosa non è sorprendente dato l’incipit:

It caused a mild scandal at the time, but in most people’s memories it was quite outshone by what succeeded it. […] It was an error of judgment which resulted in a death. It took place in the autumn before the outbreak of what used to be known as the Great War.

Se il ritmo di lettura diviene incalzante a causa della tensione montante e della voglia di scoprire cosa succederà, è vero che spesso ci si sofferma volentieri sulle pagine in cui poche righe bastano ad evocare intere esistenze, interi caratteri, intere relazioni. Bellissimo e tristissimo, sicuramente da leggere e rileggere.

Annunci

§ 4 risposte a The Shooting Party di Isabel Colegate

  • Phoebes ha detto:

    Bello! Mi fa pensare al film Gosford Park!

  • Roberta ha detto:

    Phoebes hai proprio azzeccato lo spirito! Adoro quel film, che è stato sceneggiato proprio da Julian Fellowes, che non solo è lo sceneggiatore anche di Downton Abbey, ma è anche l'autore dell'introduzione alla ristampa di questo libro sempre da parte della Penguin (io ne ho letta una parte sul sito di Amazon, dove si può vedere una preview dei libri) in cui afferma di essere stato molto ispirato da questo romanzo! 🙂

  • Phoebes ha detto:

    Sapevo dell'affinità tra Gosford Park e Downton Abbey, ma non sapevo avessero addirittura uno sceneggiatore in comune!Bè, allora lo devo proprio leggere (e iniziare finalmente a guardare Downton Abbey!), perché il film mi è piaciuto davvero molto!

  • Roberta ha detto:

    Fidati, sono sicura che ti piaceranno molto entrambi!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Che cos'è?

Stai leggendo The Shooting Party di Isabel Colegate su a bright shining lie.

Meta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: