Henrietta Sees It Through di Joyce Dennys

luglio 3, 2013 § Lascia un commento

Henrietta Sees It Through è il seguito di Henrietta’s War, già recensito qui. In realtà entrambi i volumi raccolgono una serie di lettere fittizie ad un fittizio amico scritte e pubblicate (sulla rivista The Sketch) da Joyce Dennys durante la seconda guerra mondiale. Se l’intento ufficiale di Joyce Dennys (e del suo alter ego Henrietta) è di sollevare il morale dei cittadini e dei soldati inglesi, sicuramente una delle più importanti motivazioni dell’autrice fu la frustrazione dovuta al passaggio da una vita da artista ad una vita in cui, per quanto felicemente, il ruolo di moglie e madre ha una precedenza assoluta. Il profilo dell’autrice sul sito della casa editrice inglese che ha recentemente ripubblicato questi due titoli recita che Henrietta era diventata così importante per Joyce Dennys da farle dire: “When I stopped doing the piece after the war, I felt quite lost. Henrietta was part of me. I never quite knew where I ended and she began.” (Quando smisi di scrivere questi pezzi dopo la guerra, mi senti piuttosto persa. Henrietta era una parte di me. Non ho mai capito del tutto dove io finivo e iniziava lei.)

Henrietta Sees It Through: More News from the Home Front 1942-1945Considerando il tipo di scrittura e pubblicazione originale di questo materiale, è chiaro che la separazione dello stesso in due tomi è puramente formale, di fatto non c’è una vera e propria differenza fra il materiale di Henrietta’s War e questo, a parte una differenza cronologica, chiaro. Henrietta è sempre la moglie del dottore (definizione che non le piace affatto) in un piccolo paese inglese in tempo di guerra, è sempre in lotta con le erbacce del giardino e sempre alle prese con le difficoltà dell’oscuramento e del razionamento e con tutte le paure (più o meno comprensibili) legate alla guerra in corso. Il tono delle lettere è leggero (di quella leggerezza che non è assolutamente superficialità) e profondamente auto ironico ma fra le righe (e a volte nemmeno tanto fra le righe, soprattutto – mi immagino – per coloro che all’epoca condividevano gli stessi problemi e le stesse preoccupazioni) ci sono degli eventi e dei sentimenti profondamente coinvolgente. In questo volume mi colpisce in particolare l’episodio in cui Henrietta racconta di una coppia di amici che, avendo ricevuto la notizia della morte in guerra del loro secondo – e ultimo – figlio, decidono comunque di non comunicare ufficialmente la notizia per non rovinare il campionato di bocce che sta per iniziare. Proprio al campionato alcune persone di fuori città si sorprendono di vedere i cittadini impegnati in questa attività e commentano a voce alta affermando che ‘qui le persone non si rendono conto che c’è una guerra’. Terribile e perfettamente descritto.
E’ un vero peccato aver esaurito, con questo libro, tutto ciò che è possibile reperire al momento di Joyce Dennys. Sono sicura che il suo incantevole stile avrebbe potuto rendere piacevole qualsiasi argomento, ma temo che in tutti o quasi gli altri volumi a suo nome il suo contributo sia ‘solo’ come illustratrice.
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Che cos'è?

Stai leggendo Henrietta Sees It Through di Joyce Dennys su a bright shining lie.

Meta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: