La chiave del tempo di Anne Fortier

agosto 2, 2013 § Lascia un commento

Anche questo acquisto dell’epoca ‘Paullina Simmons‘, anche se non molto fortunato. Mi ha ricordato infatti, a più riprese, W di Jennifer Lee Carrell. Anche qui c’è una connessione con Shakespeare, anzi in particolare con la sua opera più famosa, Romeo e Giulietta. Alla morte della zia Rose Julie Jacobs riceve in eredità una lettera e una chiave per aprire una cassetta di sicurezza a Siena, di proprietà della madre, morta molti anni prima. Julie scopre così che il suo vero nome è Giulietta Tolomei e che fa parte di una delle due famiglie che furono all’origine della vera storia a cui si ispira la tragedia di Shakespeare. Quindi c’è un tesoro da scoprire, una maledizione da sventare, segreti familiari e ovviamente un corteggiatore dalle dubbie intenzioni.

La chiave del tempo Il romanzo alterna parti ambientate nella Siena moderna e parti ambientate nella Siena medievale, che raccontano la ‘vera’ storia di Giuletta e Romeo. Uso le virgolette perché non è ben chiaro quanto è realtà storicamente accertata e quanto invenzione romanzata. E’ vero che la storia raccontata da Shakespeare ha dei precedenti italiani ambientati a Siena e poi anche a Verona, però in generale è una storia d’amore piuttosto classica. Non so però quanto sia reale la storia delle casate senesi e dalla postfazione si evince che l’autrice si è presa delle libertà nella parte dedicata al Palio. Personalmente trovo sempre sconcertante ritrovarmi così confusa: è difficile che io sia così dotta di un argomento da poter individuare il falso dal vero a colpo d’occhio, e gli autori raramente specificano (anche alla fine eh) e quindi io passo tutta la lettura in modalità sospettosa.

La trama non è particolarmente avvincente, forse perché la protagonista è una lagna priva di autostima che si preoccupa solo di trovare un tesoro, dato che si è indebitata nell’erronea convinzione che la zia Rose le avesse lasciato un patrimonio, la sorella Janice è un’arpia che però a un certo punto si trasforma in perfetto essere umano (inverosimile) e la storia d’amore non solo è telefonatissima fin dalle prime pagine ma è anche triste e decisamente insapore. La parte ambientata nel Medioevo è leggermente meglio, ma in generale ho odiato i profondissimi preconcetti dell’autrice sull’Italia e sugli italiani, davvero era meglio che ambientasse la sua storia altrove!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Che cos'è?

Stai leggendo La chiave del tempo di Anne Fortier su a bright shining lie.

Meta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: