Coronation di Paul Gallico

agosto 8, 2013 § Lascia un commento

Paul Gallico è l’autore della fortunata (e bellissima) serie dedicata alla signora Harris (in Italia tradotto solo il primo, credo) di cui ho letto i primi due capitoli (La signora Harris e Mrs. Harris Goes to New York). Laddove la signora Harris, nel primo romanzo, sognava ardentemente un vestito di Dior e riusciva, alla fine, ad acquistarlo, qui le cose vanno un po’ diversamente ma non si perde l’adorabile miscuglio di ordinaria quotidianità, gloriosi sogni ed estrema positività. Come per La signora Harris, anche qui ribadisco che il romanzo in oggetto è un romanzo fatto di piccole cose, più una novella lunga che un romanzo vero e proprio, buonista e positivo all’estremo, anche se non melenso, e adatto a chi si crogiola nella bellezza e nel tepore delle piccole cose. Forse il difetto di questo romanzo è che, raccontando in modo asciutto gli avvenimenti di una singola giornata, non si dilunga sulla quotidianità della famiglia Clagg, che sono sicura avrei adorato.

16559546La famiglia Clagg (nonna, genitori e due bambini piccoli) decide di rinunciare all’abituale vacanza di due settimane al mare per passare la giornata dell’incoronazione (della regina Elisabetta II, nel 1953) a Londra, grazie al cugino Bert che dalla metropoli ha loro procurato dei biglietti per un posto in prima fila in una delle case affacciate lungo il percorso della processione, inclusivi di colazione, pranzo e champagne! Ognuno dei protagonisti ha un motivo per pregustare questa giornata: Will Clagg, caposquadra in una fabbrica di acciaio, è rimasto vittima del generalizzato amore nei confronti della nuova regina, giovane e bella; la moglie Violet si immagina elegantemente intenta a sorseggiare (per la prima volta) un bicchiere di champagne, proprio come nei film, l’undicenne Johnny non riesce nemmeno a stare seduto all’idea di vedere la parata militare e la piccola Gwenny vede la regina come la personificazione della principessa delle favole di uno dei suoi libri, già oggetto di immensa adorazione. Solo Granny, la ‘nonnina’, inizialmente è contraria ma più che altro per il suo spirito battagliero, e si lascia presto convincere dal genero, che le spiega quanto sia appropriato che, dopo aver testimoniato la processione funebre della precedente regina, Vittoria, ora debba assistere alla processione di incoronazione della nuova regina. Il romanzo inizia con il viaggio in treno verso Londra, e, senza rovinare il romanzo a nessuno, posso solo dire che non termina esattamente come i protagonisti avevano programmato.

I personaggi di questo romanzo sono caratterizzati in modo fantastico (per quanto, come qualche lettore ha evidenziato, in modo piuttosto tradizionale e non sorprendente) e le loro aspettative, le loro reazioni a quello che accade e le loro conclusioni finali sono dipinte in modo minuzioso, molto coinvolgente. E’ molto interessante anche tutto il contesto dell’incoronazione di Elisabetta II, soprattutto a breve distanza dalla nascita del nuovo erede, che noi italiani abbiamo più che altro snobbato: di bambini ne nascono centinaia ogni giorno, questo è vero, ma di futuri monarchi no! E il rapporto degli inglesi con le loro teste coronate forse diventa un po’ più comprensibile grazie a questo testo.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Che cos'è?

Stai leggendo Coronation di Paul Gallico su a bright shining lie.

Meta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: