Weekly Wrap-Up ~ 30 dicembre 2013

dicembre 30, 2013 § 12 commenti

.Domani è l’ultimo giorno del 2013 e in tutta banalità, posso dire che quest’anno è volato? Come questa prima settimana di ferie, del resto. Fra commissioni, giornate di festa e una bella domenica alle terme, non posso negare di essermi molto divertita. Noi per domani abbiamo progetti molto casalinghi, che prevedono cibo cinese da asporto e una maratona di Men in Black! Il momento clou sarà l’accensione delle stelline, che sono il mio massimo per quel che riguarda i fuochi d’artificio… Inoltre domani mattina comincerò i primi preparativi per il pranzo del primo dell’anno. Niente di speciale, tutti comfort food: passatelli in brodo, roastbeef con contorno di purè, pane fatto in casa e banana pudding come dolce. Voi che cosa farete?

In questi giorni ovviamente ho pensato anche alle letture del 2013 e a quello che mi aspetto dal prossimo anno, e a tempo debito posterò qualche riflessione. Per il momento sono estremamente soddisfatta, perché sto leggendo il mio cinquantesimo libro dell’anno, e sono certa di finirlo entro domani per cui sono riuscita nei miei intenti!!! Ora mi mancano solo ventidue libri per azzerare la mia TBR list e sono a pochi passi dal mio obiettivo!

Ecco l’elenco dei libri letti questa settimana (ho pubblicato la recensione solo per l’ultimo, dato che ero già a casa e avevo tempo):

Sayers, Dorothy L. – Whose Body? Un classico mystery all’inglese: il protagonista è un titolato, detective solo per diletto, e vive in pieno centro a Londra nel 1923, assistito da un meraviglioso valletto. Ho adorato l’atmosfera evocativa del romanzo, nonché il piglio umoristico e sfacciato del protagonista, un uomo dall’indubbia personalità. Una serie che proseguirò con grande piacere.

Schmitt, Eric-Emmanuel – La parte dell’altro Di questo autore ho sentito parlare così tanto che mi ero dimenticata di non aver mai letto un suo libro (d’altra parte ho visto un paio di film tratti dalla sua produzione). Forse non ho iniziato dal più semplice. Schmitt crea due vite parallele di Adolf Hitler: la prima, quella reale; la seconda, un’alternativa, partendo dal presupposto che Hitler venga accettato all’Accademia, riesca a superare i suoi disagi psicologici (con l’aiuto di niente di meno dello stesso Freud) e incontri il vero amore. L’obiettivo dichiarato dell’autore è far capire quanto Hitler fosse in realtà una persona normale, che è diventata un mostro per una serie di circostanze e scelte. Ovviamente non desidera umanizzare Hitler o giustificarlo (ci mancherebbe!) ma semplicemente capire come è diventato un uomo capace di simili aberrazioni, il tutto al fine di evitare il ripetersi di un simile orrore. Non sono sicura che sia riuscito nel suo intento. Io, perlomeno, fatico a pensare che in qualche momento Hitler sia stato una persona normale.

Sissel, Barbara Taylor- The Ninth Step abbandonato – non sembrava poco malvagio ma la trama mi interessava poco e i protagonisti mi sono stati subito antipatici. Poiché era un’anteprima di Netgalley richiesta per motivi ora a me incomprensibili, ho lasciato perdere.

Roald Dahl –  Charlie and the Chocolate Factory E’ il libro che ho scelto per sostituire The Ninth Step: l’anno scorso ho riletto Canto di Natale di Dickens sotto le feste, quest’anno solo felice di aver potuto rileggere il capolavoro di Roald Dahl (mi credete se dico che quest’anno non ho ancora visto il film? – incredibile, ma devo ammettere che quest’anno non ho trovato il mio spirito natalizio) nella versione inglese, acquistata a Londra a settembre. Bellissimo, chiaro, anche se il mio preferito assoluto rimane Matilda.

Sjowall, Maj –  Roseanna Giallo scandinavo classico (degli anni Sessanta) che non mi ha convinto del tutto: da una parte ho trovato l’approccio degli autori interessante, dall’altra il caso non mi ha appassionato e non ho trovato nemmeno molta caratterizzazione psicologica. Vedremo se avrò voglia di provare il secondo della serie.

E con questo siamo arrivati alla fine. Stamattina (in anticipo di un giorno) ho finito l’antologia di diari The Assassin’s Cloak – un libro che mi ha accompagnato per tutto il 2013, ma ne parlerò meglio più avanti – e ora sto leggendo appunto il cinquantesimo, The New Moon with the Old di Dodie Smith.

Buoni festeggiamenti (e buone letture) a tutti quanti!

Annunci

§ 12 risposte a Weekly Wrap-Up ~ 30 dicembre 2013

  • Ludo ha detto:

    Viva le stelline! Io trascorrerò il capodanno in famiglia e non so ancora che cosa aspettarmi…

    Congrats per essere arrivata al traguardo dei 150!

    Auguri.

  • abrightshininglie ha detto:

    Grazie! Spero che tu abbia passato un’ottima serata e soprattutto, buon anno!

  • Phoebes ha detto:

    Complimentissimi per aver raggiunto anche l’obbiettivo del 150!!

    E buon anno nuovo! Quest’anno quanto hai intnzione di leggere? 🙂

  • abrightshininglie ha detto:

    Grazie! Buon anno anche a te! 🙂
    Quest’anno mi sono proposta l’obiettivo di 120 libri, dieci al mese. Poi se arrivo a 150 non mi lamento eheh!

  • Phoebes ha detto:

    Per me 120 o 150 siamo più o meno lì, un traguardo inarrivabile!
    Ma quest’anno voglio propormi anch’io un numero di libri da leggere, e impegnarmi seriamente per raggiungerlo! Non so ancora quanto provare apuntare alto…. 🙂

  • abrightshininglie ha detto:

    Io di solito parto pensando al numero di libri che posso leggere in un mese e poi moltiplico. Ti consiglio di non aumentare tanto rispetto a quanto hai fatto l’anno scorso, bisogna darsi dei traguardi raggiungibili 🙂

  • Phoebes ha detto:

    Infatti ho pensato di fare lo stesso ragionamento! Nel 2013 ho letto solo 35 libri, numero che purtroppo rientra nella media rispetto all’anno scorso, ma è decisamente inferiore a quella che era la mia media prima. 35 libri sono quasi 3 al mese, sono convinta di poter fare di più! Mi sono posta quindi come obiettivo 50 che sono circa 4 libri al mese, e ho deciso che ogni mese deciderò prima quali sono questi 4 libri, così da avere più chiaro l’obiettivo. Fatta di mese in mese questa cosa non mi sembra difficile per niente, perché 4 libri al mese sono un traguardo veramente facile. Se neanche così riuscirò nell’impresa, l’anno prossimo vedrò di ridimensionarmi! 🙂
    Tu comunque continua a darmi il buon esempio! 😀

  • […] 2 – 8 dicembre 9 – 15 dicembre 16 – 22 dicembre 23 – 29 dicembre […]

  • abrightshininglie ha detto:

    🙂 Ben volentieri! Secondo me se ti tieni monitorata di mese in mese ce la fai tranquillamente. Il problema è quando ci si fa distrarre dalle mille altre cose interessanti da fare…

  • Phoebes ha detto:

    Infatti mi sono resa conto che andare perpiccole tappe è la cosa migliore! 50 libri all’anno significa praticamente uno a settimana, è veramente un traguardo raggiungibilissimo e facilissimo da monitorare! E oggi è 6 e ho già finito il mio primo libro, quindi almeno sto cominciando bene! 🙂

  • abrightshininglie ha detto:

    Brava! 🙂 E’ bello iniziare con il piede giusto… Peccato che oggi siamo già di nuovo al lavoro uff…

  • […] Whose Body? / Dorothy L. Sayers […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Che cos'è?

Stai leggendo Weekly Wrap-Up ~ 30 dicembre 2013 su a bright shining lie.

Meta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: