Ogni maledetto lunedì su due di Zerocalcare

giugno 4, 2014 § 3 commenti

17571519

Premetto che non sono una grande lettrice di graphic novels e nemmeno di fumetti. Sono tantissimi anni che non ne leggo e comunque anche quando ne leggevo tendevo sempre ad ingurgitare perché per me purtroppo è la parola che conta e quindi tendo a sorvolare le immagini, quindi questo tipo di arte su di me è abbastanza sprecato. Detto questo, ho sentito parlare tantissimo e benissimo di Zerocalcare e ho anche letto diverse vignette pubblicate sul sito, che mi sono piaciute, quindi ho acquistato questo volume quando il mese scorso è andato in offerta. Mi aspettavo qualcosa di diverso, di fatto questa è una raccolta delle vignette del sito, legate però da una storia che fa da cornice a tutto il libro e che per me ha rappresentato un valore aggiunto.

Sulle tavole riprese dal blog posso dire che mi sembrano molto originali (anche se, ripeto, non sono aggiornata) e ho trovato calzantissima una definizione letta non mi ricordo più dove del lavoro di Zerocalcare: tante risate, molte fobie condivise, un fondo di tristezza. Ed è proprio così, perché Zerocalcare ci fa ridere moltissimo grazie a tutti quei problemi che ognuno di noi vive ogni giorno, per esempio ricordo le prenotazioni del treno oppure la richiesta di aiuto tecnologico della mamma Lady Cocca. D’altra parte questo protagonista ha un sacco di fobie e di difetti in cui ci si riconosce moltissimo e quindi è una lettura confortante. E’ vero anche che c’è della tristezza ed è qui forse più che mai che sento questa decina d’anni di differenza, perché le persone della mia età sono cresciute meno disilluse secondo me, hanno avuto più fortuna, hanno vissuto ancora molti anni in cui sperare e sognare era lecito e questo ci ha segnato, nel bene. La generazione di Zerocalcare invece mi sembra sia stata più sfortunata da questo punto di vista ed è anche uno dei motivi per cui ammiro ancora di più chi sceglie una strada meno frequentata, meno sicura, chi fa delle scelte originali sapendo bene che le possibilità di successo sono davvero poche.

Aggiungerei qualcosa proprio sulla storia che fa da cornice e che io ho amato moltissimo, perché le vignette simpatiche sono belle, ma questa metafora in cui utilizza la nave e il naufragio per raccontare, appunto, una generazione disillusa e che ha vissuto momenti storici di profonda amarezza, mi è sembrata davvero toccante. Ho letto in un’intervista che l’autore ha voluto contestualizzare le sue vignette storiche, molto scanzonate, dato che in realtà ovviamente la sua vita quotidiana, dalla fine del liceo ad oggi, non poteva esserne esaustivamente rappresentata. Secondo me è stato davvero un colpaccio di genio, mi è piaciuta moltissimo e mi ha alzato il livello del libro, che fra l’altro ho letto in condizioni pessime perché avevo un’edizione digitale e l’ho letta principalmente sullo smartphone…

Advertisements

§ 3 risposte a Ogni maledetto lunedì su due di Zerocalcare

  • Camilla P. ha detto:

    Io adoro Zero 🙂 Lo seguo da un bel po’, attraverso il suo blog.
    E mi ritrovo molto anche nel fondo di tristezza di cui parli – sarà che io sono della sua generazione (forse – ho praticamente dieci anni di meno, quindi potrei anche fare già parte della generazione successiva, ma direi che qui si finirebbe a discutere per cavilli). Però mi fa sempre ridere, e di gusto. È per questo che mi piace tanto.

    Comunque, sono contenta che ti sia piaciuto 🙂

  • abrightshininglie ha detto:

    Sai che il tuo commento mi ha fatto ricontrollare l’età di zerocalcare e ho realizzato di aver esagerato, in realtà fra di noi c’è una differenza di cinque anni, ma sembrano di più. 🙂 eppure il senso di identificazione è comunque molto forte…

  • Ludo ha detto:

    Sono in crisi: non riesco a pubblicare commenti su WordPress! Sarà la sesta volta che provo a inserire un commento a questo post… questa sarà quella buona?

    Questo post mi ha fatta riflettere, specialmente l’inizio. Io leggo fumetti e mi capita di leggere graphic novels e, riflettendo, devo ammettere che mi faccio prendere più dalla storia scritta che non dai disegni, anche se vedere la storia raffigurata per immagini mi piace, in ogni caso.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Che cos'è?

Stai leggendo Ogni maledetto lunedì su due di Zerocalcare su a bright shining lie.

Meta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: