The Sense of an Ending di Julian Barnes

giugno 28, 2014 § Lascia un commento

13284183

The history that happens underneath our noses ought to be the clearest, and yet it’s the most deliquescent. We live in time, it bounds us and defines us, and time is supposed to measure history, isn’t it? But if we can’t understand time, can’t grasp its mysteries of pace and progress, what chance do we have with history – even our own small, personal, largely undocumented piece of it?

Non ho apprezzato molto la mia precedente lettura di Barnes (Arthur e George) ma devo ammettere che questa novella, invece, ha davvero catturato la mia attenzione. E’ la storia, raccontata in prima persona, di Tony Webster, un uomo ormai anziano, che a seguito di un bizzarro lascito (da parte della madre della sua ragazza dell’università) rivisita il suo passato e, spinto da un poderoso senso di colpa, ammette che la memoria gioca dei brutti scherzi. Il modo in cui il protagonista si ossessiona ripensando agli episodi del suo passato mi ha ricordato un po’ The End of the Affair, ma solo perché li ho letti a distanza ravvicinata. In realtà il libro più simile a questo è forse The End of the Story di Lydia Davis. Il passato diventa un labirinto e capire cosa è reale e cosa è stato modificato o addirittura inventato è estremamente difficile.

Tony Webster cerca di capire perché la madre di Veronica gli abbia lasciato una piccola somma e il diario del suo amico del college Adrian (nonché fidanzato di Veronica dopo lo stesso Tony) morto giovanissimo, suicida. Il diario di Adrian è però in possesso di Veronica e i suoi tentativi di dialogare con lei sono particolarmente frustranti. Ammetto di non aver ben capito il rapporto tra Tony e Veronica, tutto sommato mi sembra creato a uso e consumo della trama. Quando Tony crede di aver decifrato il rebus, il mondo si ribalta. Lo spiegone finale è un po’ sensazionalista (così come trovo esagerati il senso di colpa di Tony e la rabbia psicotica di Veronica), ma la storia che ci racconta Tony è, in tutta la sua tristezza, meravigliosa, il percorso di un uomo, poco coraggioso, un uomo qualunque in fin dei conti, che ha alla fine il coraggio di mettere in discussione la sua storia per scoprire la verità.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Che cos'è?

Stai leggendo The Sense of an Ending di Julian Barnes su a bright shining lie.

Meta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: